Il linguaggio è un dono straordinario, come lo è la possibilità di poter esprimere con le parole i nostri sentimenti e le nostre emozioni.

Tuttavia, per essere realmente efficace, il linguaggio deve articolarsi in modo ben equilibrato tra la parola e l’ascolto: rovesciare un fiume di parole sui nostri interlocutori al fine di catturarne l’attenzione sortisce immancabilmente l’effetto opposto.

Ironicamente, più parliamo, meno siamo capaci di comunicare.

Ecco allora alcuni ottimi motivi per parlare di meno e ascoltare di più, migliorando la tua abilità di comunicare con il mondo.

1. Hai più tempo per pensare prima di parlare.

Di frequente siamo portati a parlare d’istinto, ad ascoltare la “pancia” e ad aprire la bocca senza avere la piena consapevolezza di cio’ che stiamo davvero dicendo. E cosi’ facendo, molto spesso finiamo per combinare disastri, dicendo cose di cui immancabilmente finiamo per pentirci. Il consiglio e’ allora molto semplice: prima di parlare ed esprimere cio’ che ti senti di dire, fai un bel respiro profondo, non importa quanto “urgente” appaia la risposta che vuoi dare.

Pensaci su per un po’. Ricorda che il pensiero che stai elaborando nella tua mente e’ solo una delle infinite possibili risposte che puoi dare al tuo interlocutore. Valuta bene il concetto che vuoi comunicare e vedrai che non solo sarai in grado di esprimerlo al meglio, ma anche che gli altri saranno molto piu’ disposti ad ascoltarti con attenzione.

Arte di ascoltare e mondi possibili

2. Puoi ascoltare bene prima di giungere a conclusioni.

Quando qualcuno ci parla, spesso siamo talmente concentrati su cio’ che abbiamo in mente di replicare, che finiamo per non prestare la giusta attenzione al nostro interlocutore. Lo interrompiamo, finiamo le frasi al suo posto, commentiamo palandogli sopra senza concedergli l’opportunita’ di esprimersi compiutamente, di elaborare la propria prospettiva e i propri punti di vista. Decidi di cambiare approccio.

Una delle forme piu’ alte di rispetto che puoi avere verso il prossimo e’ quella di ascoltarlo con attenzione, senza interromperlo, lasciandogli il tempo di cui necessita per esprimere cio’ che pensa. Cio’ ti consentira’ di cogliere al meglio il messaggio che l’altro cerca di mandarti, di non giungere a conclusioni affrettate e di elaborare in modo compiuto le tue conclusioni.

3. Ti limiti a ciò che è davvero importante.

A volte l’ansia di farci comprendere dai nostri interlocutori ci porta a esprimerci con un diluvio di parole che finiscono inesorabilmente per mandare un messaggio confuso e poco incisivo a chi ci sta di fronte. Il consiglio, specialmente quando devi esprimere un concetto che ti sta a cuore, e’ quello di dosare con cura le tue parole, sceglierle con cautela e gestirle con attenzione.

Limitati a esprimere il cuore del messaggio che vuoi trasferire al tuo interlocutore, senza fronzoli, giri di parole o concetti poco chiari, che non arrivano al nocciolo della questione.

4. Puoi conoscere meglio gli altri.

Quando parli di meno, crei la fantastica condizione di dare spazio agli altri. Dai ai tuoi interlocutori la meravigliosa opportunita’ di esprimere se stessi, i propri pensieri e le proprie emozioni. Non solo. Ridurre le parole concede spazio ai gesti, agli abbracci, alle infinite attivita’ che si possono compiere insieme.

Guardare ad esempio il tramonto in silenzio insieme a una persona cara e’ qualcosa che ci unisce a questa persona in modo intimo e profondo, come mille parole non saprebbero mai fare.

5. Se parli di meno, combini di più.

Quando riduci le parole, finisci inevitabilmente per portare a termine piu’ attivita’. Questo perche’ parlare di meno ti “costringe” a focalizzarti sugli aspetti pratici, su tutto cio’ che devi davvero realizzare, su cio’ che vuoi veramente compiere perche’ ti sta a cuore, perche’ ci tieni.

Le intenzioni espresse a gran voce finiscono per tradursi in vuoti ed inutili proclami, se non sono accompagnati dai fatti e dalle azioni. Insomma, “non perderti in chiacchiere” 🙂

6. Apprezzi maggiormente la bellezza della scrittura.

La scrittura è una delle forme di comunicazione più preziose che hai a disposizione. Quando scrivi, puoi stabilire un rapporto più intimo con le parole e, di conseguenza, con i tuoi interlocutori. Quando scrivi, ti senti inevitabilmente più responsabilizzato, più incline a dosare con attenzione il peso delle parole.

Quando scrivi, sei chiamato ad “ascoltare” te stesso, sei maggiormente esposto ai tuoi pensieri e alle tue emozioni. Quando scrivi, riesci a conoscere meglio te stesso.