“Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso”. –  Confucio

Spesso il nostro peggior nemico siamo noi stessi. Inizia a prendere consapevolezza dei comportamenti con cui stai sabotando la tua autostima.

1. Cerchi continuamente l’approvazione degli altri.

Non cercare di compiacere tutti coloro che incontri lungo il tuo cammino.

Sarebbe uno sforzo vano. Ci sarà sempre qualcuno a cui tu o le tue idee non andranno a genio.

Sforzati piuttosto di creare e coltivare relazioni e rapporti profondi con le persone che apprezzi e rispetti.

Non lasciare che le opinioni altrui definiscano chi sei: pensa soltanto ad agire in base ai tuoi valori e ai tuoi ideali.

Se sarai in grado di lasciar andare il desiderio di impressionare ogni persona che incontri, otterrai il supporto e la fiducia delle persone che contano per davvero: tu per primo.

2. Ti focalizzi sull’ostacolo piuttosto che sulla soluzione.

La vita è colma di ostacoli, sia nel campo personale che professionale.

Sta a te decidere da quale prospettiva osservare l’ostacolo.

Puoi senz’altro scegliere di considerarlo come un impedimento, una perdita di tempo e una seccatura fonte di stress.

Oppure puoi decidere di concepire ogni ostacolo come una preziosa opportunità per crescere come persona.

Questa seconda prospettiva ti aiuterà ad andare oltre l’ostacolo e a focalizzarti sulla soluzione del problema anziché sul problema in sé.

Mi merito il meglio. Fai pace con te stesso e scegli di essere felice

3. Fai diventare una tragedia ogni piccola difficoltà.

A tutti noi piace dipingere le situazioni in modo un po’ drammatico.

Ma non cadere nel futile errore di ingigantire la portata delle tante piccole cose negative che possono accaderti nella quotidianità.

Non recitare il ruolo della vittima.

Il continuo e non necessario amplificare i piccoli problemi di ogni giorno ti porta ad accumulare stress, e nel lungo periodo lo stress annienta la sicurezza e la fiducia in se stessi.

Tieniti alla larga da coloro a cui piace lamentarsi e respingi ogni forma di vittimismo.

Immagina se utilizzassi il tuo tempo per indirizzare ogni giorno le tue energie verso le opportunità e le soluzioni ai problemi reali. Non ti sentiresti molto meglio?

Invece di arrabbiarti, prova a essere curioso. Invece di infastidirti, prova a divertirti. Sostituisci l’invidia con l’ammirazione.

Non sprecare la bellezza del tempo che hai a disposizione, non lasciarti prendere dalla negatività.

Invece, conta le cose per le quali puoi ritenerti una persona fortunata, stai vicino a coloro che ami e focalizzati su come creare una vita migliore per te stesso e per le persone che ami.

Corso rapido di autostima per vivere meglio

4. Consideri i tuoi fallimenti come espressione del tuo valore.

La differenza principale tra le persone di successo e le persone che non hanno successo consiste principalmente nel modo in cui concepiscono il concetto di fallimento.

Le persone di successo sono consapevoli del fatto che il fallimento è semplicemente parte del processo di apprendimento.

Ogni qualvolta si rendono conto che stanno facendo qualcosa nel modo sbagliato, si avvicinano di un passo alla scoperta del modo giusto di farla.

È una questione di percezione.

Dall’altro lato, le persone che non hanno successo hanno la tendenza di prendere il fallimento a livello personale.

Concepiscono il fallimento come un riflesso del proprio valore.

In più, ritengono che i loro fallimenti sia la riprova di come loro stessi siano un “fallimento” nella vita.

Thomas Edison ha sbagliato mille volte prima di riuscire a inventare la lampadina. Michael Jordan è stato tagliato fuori dalla squdra di basket del college prima di diventare uno dei più forti giocatori di ogni tempo.

Dunque, la prossima volta che fallisci in qualcosa, prima di iniziare a colpevolizzarti prenditi un momento per riflettere e ricorda che il fallimento è semplicemente una tappa del percorso di crescita.

Perseveranza e positività alla lunga danno i loro frutti.

5. Eviti nuove esperienze.

È piuttosto agevole ritrovarsi intrappolati in una noiosa routine, facendo le stesse cose, seguendo gli stessi programmi, mangiando gli stessi cibi.

Tutto ciò può certamente aiutarti, nell’immediato, a sentirti a tuo agio, ma nel lungo termine può compromettere la sicurezza in te stesso.

Come accade in natura, se non stai crescendo allora vuol dire che stai morendo.

Esci fuori dal tuo guscio, esplora il mondo lì fuori.

Incontra nuove persone, viaggia. Fai qualcosa che ti spaventa, abbraccia nuove esperienze.

Tutto ciò che è in grado di farti sentire vivo ed entusiasta rappresenta una spinta incredibile per accrescere la fiducia in te stesso.