“Io vi insegno a essere egoisti.

Fatemelo ripetere, perché la parola “egoismo” è stata condannata così tanto che molto probabilmente mi fraintenderete.

Ma la parola è davvero bella.

Essere egoisti significa soltanto essere se stessi.

Vi dico: non considerate nessun altro al mondo, tenete in conto solo voi stessi; e proprio in quel rispetto avrete rispettato il mondo intero.

Nell’essere egoisti troverete tutto l’altruismo che avete cercato e ricercato e mai trovato.

Perché l’intera ricerca si muoveva da presupposti sbagliati.

Ti è stato detto di amare il tuo vicino – ma non hai mai amato te stesso.

E una persona che non ha amato se stessa, come può amare il vicino?

Da dove prende l’amore? Come prima cosa bisogna averlo.

Ami il vicino — tu che non sai niente dell’amore perché non hai mai amato te stesso.

Il vicino ti ama — anche lui non ha mai amato se stesso.

Una simile follia predomina nel mondo: la gente che non sa niente dell’amore si ama.

Simili a mendicanti che si fanno elemosina a vicenda pensando che l’altro sia un imperatore.

Entrambi sono mendicanti.

Prima o poi la realtà si svela, allora c’è infelicità, sofferenza.

Quando entrambi i mendicanti scoprono che sono solo accattoni, cos’altro possono fare se non essere arrabbiati, furibondi, violenti l’uno con l’altro; odiandosi il più visceralmente possibile?

E l’amore… ?

Non c’era; non sanno cosa sia amare.

Per conoscere qualsiasi cosa devi iniziare da te stesso.

Vi è stato detto di sacrificare voi stessi per qualche ideale idiota.

Io voglio che voi siate semplicemente egoisti.

E rimarrete sorpresi di come, grazie all’egoismo si scoprano così tanti tesori dentro se stessi, per cui presto inizierete a condividerli — infatti, scoprire un tesoro dà meno gioia che condividerlo.

E i tesori che sono dentro di voi non seguono l’economia comune e le sue leggi.

Anzi, ne sono all‘estremo opposto, diametralmente opposti alla struttura ordinaria dell’economia.

Nelle leggi dell’economia se tu doni qualcosa avrai di meno. Se continui a dare, presto sarai un mendicante.

Nel mondo ordinario dell’economia devi arraffare il più possibile a tutti gli altri; solo così avrai di più e sempre di più.

I tesori di cui vi parlo, seguono una legge differente: se ti aggrappi ai tesori si impoveriscono, se ti aggrappi troppo li puoi anche uccidere.

Se li vuoi distruggere allora chiudi tutte le finestre e le porte, diventa una tomba così che niente possa scappare fuori di te — ma sarai un uomo morto, e con te moriranno tutti i tesori; la tua verità, la tua libertà, il tuo amore, la tua gioia.

Tutto morirà con te — sicuramente morto e ben assicurato!

Ma se vuoi che i tuoi tesori prosperino, condividili, con tutti e indistintamente — non preoccuparti mai se quello è un amico o un nemico.

Quando condividi ciò che conta è condividere, non con chi lo fai! 

Chiunque sia, l’importante è semplicemente dare.

Non preoccuparti dell’indirizzo, continua a mandare lettere d’amore: qualcuno da qualche parte le riceverà; e più continuerai a condividere, più riceverai da fonti diverse e sconosciute”.

– Osho