Il famoso blogger Leo Babauta racconta nel suo blog questo aneddoto:

Il mio amico Barron recentemente mi ha chiesto: “Se in questo momento tu potessi trovarti ovunque tu desideri, facendo tutto ciò che vuoi, dove vorresti essere? E che cosa faresti?”

E la mia risposta è stata: “Sono sempre dove voglio essere, faccio sempre ciò che voglio fare.”

Ho notato che in passato, come molte altre persone, desideravo sempre fare qualcosa di diverso da quello che stavo facendo, ritrovandomi a pensare a cosa avrei fatto in futuro o a elaborare progetti per la mia vita, invidiando quello che gli altri facevano e che io sognavo.

Si tratta di un gioco sciocco.

Molti di noi sono soliti pensare in questo modo, ma se entri nella mentalità di pensare a quello che “potresti” fare, non sarai mai felice di fare quello che in realtà “stai” facendo.

Ti ritroveresti sempre a comparare ciò che tu stai facendo con ciò che gli altri stanno facendo. Con il desiderio di vivere un’esistenza migliore di quella che stai vivendo e con l’invidia per coloro che conducono un’esistenza apparentemente più soddisfacente della tua. Senza mai essere felice, perché penseresti sempre a qualcosa di meglio da fare o a un luogo migliore dove trovarti.

Io ho invece provato ad adottare una prospettiva differente: ho adottato la mentalità che qualsiasi cosa stia facendo in questo momento, questa è la cosa perfetta da fare, la cosa migliore che potrei fare in questo esatto istante.

Se sto scrivendo un post, sto facendo qualcosa di meraviglioso. Se sto leggendo i post di altri blog su Internet, sto facendo qualcosa di estremamente utile e interessante. Se sto facendo una passeggiata all’aperto con la mia famiglia, sto facendo qualcosa di incredibile. Se sto conversando con un amico, sto facendo qualcosa di assolutamente stimolante e gratificante.

Non c’è mai nulla di ciò che faccio che non sia in quel momento per me la cosa più incredibile al mondo. Se sto facendo qualcosa di potenzialmente spiacevole, sto certamente apprendendo una lezione di vita preziosa. Se sto con qualcuno noioso o antipatico, posso approfittarne per migliorare le mie doti di pazienza, o di empatia, e per imparare a comprendere meglio gli altri.

Il Qui e Ora, messo in pratica

Diciamo che stai lavando i piatti. Non preferiresti piuttosto stare a cena con un amico o passeggiare all’aria aperta? Certamente queste sono attività grandiose e stimolanti, ma sono migliori di altre soltanto se tu le ritieni tali.

Ma, soprattutto, fare un confronto tra attività diverse non è assolutamente necessario. Perché mai dovresti avvertire la necessità di confrontare quello che stai facendo ora (lavare i piatti) con una qualsiasi altra cosa?

Cosa ne avresti da guadagnare? Non potrai mai essere felice per quello che stai facendo se lo paragoni a qualcosa di diverso che ti piace di più.

Lavare i piatti può essere un’attività grandiosa e stimolante come ogni altra cosa, se soltanto decidi di vederla in questo modo. Sei in tranquillità, il che è una cosa spesso straordinaria e difficile da realizzare. E se lo si fa consapevolmente, lavare i piatti può rivelarsi un’esperienza assolutamente piacevole: sentire il contatto della schiuma e dell’acqua che scorrono lungo le tue mani, prestare attenzione alla forma e alla consistenza dei piatti e degli altri oggetti, osservare il tuo respiro e i tuoi pensieri.

E’ meditazione, serenità, lucidità.

Puoi ragionare allo stesso modo con riguardo a ogni altra attività.

Stai guidando mentre ti rechi a lavoro? Goditi la solitudine, la meravigliosa opportunità di essere solo con i tuoi pensieri e riflettere, ascoltare la musica che ami, osservare il mondo che scorre intorno a te…

Sei in una riunione con i colleghi? Presta attenzione a come le persone parlano e interagiscono tra di loro, impara a conoscere la mente umana, ritrova una parte di te stesso negli altri, impara ad amare ogni persona, non importa di chi si tratti, impara a rinunciare all’aspettativa di cambiare le persone.

Sono sempre contento di quello che sto facendo, perché non lo paragono a nessuna altra cosa e mi preoccupo soltanto di prestare la massima attenzione a ciò che sto facendo in quel preciso istante. Sono presente nel momento, vivo il qui e ora nella sua pienezza. Sono sempre felice con chi sto, perché ho imparato a vedere la perfezione in ogni persona.

Sono sempre contento di dove sono, perché non c’è posto sulla Terra che non sia un miracolo.

La vita farà schifo se desidererai sempre di fare qualcosa di diverso da quello che stai facendo. La vita sarà straordinaria se realizzerai che quello che stai facendo è già la cosa migliore di sempre.