Anche una persona molto calma e pacata di tanto in tanto si arrabbia. Succede anche a te, vero? Questo significa forse che siamo persone cattive o che c’è qualcosa di sbagliato in noi?

Assolutamente no. Il fatto che almeno ogni tanto ci arrabbiamo significa che siamo esattamente come tutti gli altri.

Per alcuni, la rabbia si manifesta in modo furioso e repentino attraverso gesti improvvisi e parole dure, mentre per altri la rabbia è uno stato d’animo difficile da ammettere ma che comunque si presenta attraverso il sarcasmo, polemiche e osservazioni taglienti.

Ma a prescindere dalle modalità attraverso cui si manifesta, cosa possiamo fare per gestire la nostra rabbia e recuperare pace, armonia ed equilibrio?

Ecco alcuni consigli per riuscirci.

1. Coltiva la Compassione

Prova a cambiare prospettiva: invece di pensare a te stesso, alle tue ragioni e alle tue aspettative verso gli altri, cerca di riflettere su cosa puoi dare tu al prossimo. Prova a metterti nei panni dell’altro, cerca di percepirne il dolore e la sofferenza, sforzati di essere generoso e compassionevole verso chi ti è vicino, anche quando questi provoca la tua rabbia. Quando riusciamo a illuminare la vita degli altri, quella stessa luce splende riflessa verso di noi.

2. Prenditi Cura di Te Stesso

Sonno a sufficienza, una dieta sana, esercizio fisico, meditazione o yoga sono abitudini salutari in grado di ridurre lo stress e di aiutarti a sviluppare più pazienza e tolleranza verso gli altri. Quando ci si sente bene, è più facile sentirsi bene con gli altri.

3. Conosci i Tuoi Limiti

Evita il multi-tasking, riduci i tuoi impegni. Spegni il televisore, il computer, il telefono cellulare. Prenditi delle pause quando sei al lavoro, evita il rumore e le distrazioni. Fai della la tua casa e del tuo ufficio un santuario di pace piuttosto che un luogo di attività frenetica. Tutto questo ti aiuterà a coltivare armonia ed equilibrio e a gestire in modo efficace l’insorgere di situazioni potenzialmente stressanti e in grado di farti perdere la calma.

4. Risolvi i Conflitti

Quando sei coinvolto in una discussione, cerca sempre di gestire il conflitto in modo costruttivo. Non c’è necessità di arrivare allo scontro. Focalizzati sul problema in modo oggettivo, adoperati per trovare soluzioni alternative, compromessi, e accordi. Esprimi le tue esigenze e manifesta pure le tue aspettative, ma non puntare il dito contro l’altro ritenendo “sbagliate” le sue idee.

5. Lascia Andare

Se un conflitto o una divergenza di opinione non possono essere risolti in modo immediato, lascia andare. Non soffermarti sulle iniquità e sui rancori. Rimanda a un secondo momento la possibilità di discutere una negoziazione del conflitto, collocandolo nella giusta prospettiva. Spesso in un momento successivo la questione ci apparirà molto meno grave e importante di quanto avevamo inizialmente pensato.

6. Conosci il Nemico

Se certe situazioni difficili non possono essere evitate, cerca di prepararti in modo adeguato ad affrontarle. Decidi come poter gestire la situazione con calma e cosa fare nel caso in cui tu non riesca a mantenere il controllo del tuo stato d’animo. Se perdi la calma, considerala come un’esperienza di apprendimento e di crescita personale. Cerca di capire perché certe persone o situazioni ti fanno così arrabbiare e trova un modo più empatico per gestirle.

7. Prenditi una Pausa

Se nel corso di una discussione senti l’irritazione e la rabbia montare dentro di te, comunica gentilmente all’altra persona che hai bisogno di un momento di tranquillità. Vai a fare una passeggiata. Fai stretching. Respira. Mettiti in contatto con la parte calma e tranquilla di te stesso e recupera gradualmente pace e armonia.

8. Fai le Tue Scelte

Tu non sei la tua rabbia, non identificartici. Ricorda che puoi sempre scegliere toni e parole calme e pacate, così come puoi sempre decidere di evitare parole in grado di ferire il prossimo. Assumiti la responsabilità del tuo atteggiamento. Scegliere di utilizzare parole equilibrate è una delle strategie più efficaci per riuscire a dissipare la rabbia.

9. Non Ferire

Se vuoi dare sfogo alla tua rabbia riversando parole dure e cattive verso un amico o un familiare, pensaci bene. Pensaci molto bene. Fare del male a chi vuoi bene potrà forse esserti di aiuto? Utilizzare toni violenti e parole aggressive ha il solo effetto di aumentare il conflitto, allontanandoti dalla possibilità di gestirlo. Pensa al prossimo, non ferirlo. Accetta la tua rabbia, sii compassionevole verso gli altri e verso te stesso: se riesci a compierlo davvero, questo è un passo meraviglioso sulla strada di una vita più felice e serena.