“Abbiamo reso il mangiare un fenomeno del tutto meccanico. Introduci il cibo nel corpo, e poi lasci la tavola. Non è più un fenomeno psicologico – ma questo è un fatto pericoloso.

A livello corporeo, il cibo giusto dev’essere sano, non eccitante e non violento; a livello psicologico la mente dev’essere in uno stato d’armonia e di gioia. E al livello dell’anima ci dovrebbe essere una sensazione di gratitudine, di riconoscenza. Queste tre cose insieme costituiscono il giusto cibo.

Mangiamo del cibo, beviamo l’acqua e respiriamo – dovremmo essere grati per tutto questo. Ci dovrebbe essere una sensazione di gratitudine verso la vita, il mondo, l’universo, il divino: “Ho ricevuto un giorno in più da vivere. Ancora una volta ho ricevuto cibo da mangiare. Ancora per un giorno posso vedere il sole e i fiori che sbocciano. Sono di nuovo vivo, oggi”.”

– Osho

Questa sensazione di gratitudine dovrebbe essere presente in ogni aspetto della vita – e in particolare nella dieta. Solo in questo caso la tua dieta sarà quella giusta.

Mangiare con consapevolezza significa riconoscere al cibo un ruolo e un valore fondamentale nel corso delle nostre giornate.

Significa dedicare al cibo il giusto tempo e la giusta attenzione, senza fretta, senza ingordigia e senza mischiare il mangiare con altre mille attività.

Mangiare con consapevolezza è una concezione che esclude colazioni frettolose o panini in macchine, cene davanti alla tv o abbuffate stordenti.

Cibo e consapevolezza significano amore per la cucina, rispetto per ciò che mangiamo e attenzione per il nostro corpo.

Quali sono i benefici di questa visione del rapporto con il cibo?

Eccone alcuni.

Mangi di meno.

E’ risaputo che nella società occidentale tutti noi mangiamo molto di più di quanto avremmo effettivamente bisogno, con conseguenze negative in termini di salute, sprechi e impatto ambientale.

Mangiare in modo consapevole, lento e attento ti aiuta a mangiare di meno, a evitare abbuffate infinite e a recuperare una forma fisica migliore.

Apprezzi di più quello che mangi

La maggior parte di noi adora mangiare.

Riuscire a farlo in modo attento e consapevole ti aiuta a trovare una gioia ancora più profonda nel tuo rapporto con il cibo.

La consapevolezza ti consente di sviluppare un maggiore rispetto nei confronti del cibo e un piacere nuovo e più intenso nel rapporto con esso.

Digerisci meglio

La digestione inizia in bocca con l’azione della saliva.

Se il cibo non viene masticato bene vuol dire che c’è più lavoro da fare nelle altre fasi del processo digestivo.

Riuscire a mangiare in modo lento e consapevole ti consente di evitare sovraccarichi al tuo sistema digestivo e di evitare sensazioni di fatica e pesantezza.

Sei soddisfatto con meno

Se riesci a rapportarti al cibo in modo consapevole, il senso di sazietà giunge molto prima di quando ti abbuffi di pietanze con foga e ingordigia.

Riuscirai a sentirti soddisfatto dopo aver mangiato due quadratini di cioccolata anziché avvertire l’urgenza di mangiarti l’intera tavoletta.

Sei pronto allora a cambiare il modo in cui ti rapporti con il cibo e a diventare un maestro nell’arte di mangiare con consapevolezza?

Ecco come puoi riuscirci:

1. Inizia piano

Come tutte le nuove abitudini, per ottenere un cambiamento è preferibile impostare aspettative realistiche e non pretendere da se stessi rivoluzioni drastiche e immediate.

Per iniziare a mangiare in modo consapevole, all’inizio scegli soltanto un pasto o uno spuntino ogni giorno cui dedicartici e impegnati a mangiare in modo consapevole solamente in quel momento.

2. Bandisci il multitasking durante i pasti

Non puoi focalizzarti sul cibo e prestargli la dovuta attenzione se nel frattempo parli al telefono, guardi la TV o sei al volante in macchina.

Stabilisci dei momenti per i pasti e durante questi momenti dedicati esclusivamente al cibo.

3. Mangia solamente a tavola

Le abbuffate più inconsapevoli avvengono spesso quando non siamo seduti a tavola.

Ci alziamo dal divano, apriamo il frigo e iniziamo a mangiare tutto quello che troviamo con voracità e ingordigia.

Suona familiare, no? Prova allora a prendere l’abitudine di mangiare soltanto quando sei a tavola e hai la possibilità di rivolgere al cibo la giusta attenzione.

4. Apprezza l’aspetto

Prima di iniziare a mangiare, prenditi il giusto tempo per ammirare e apprezzare l’aspetto esteriore del cibo.

Prenditi un momento, anche breve, per connetterti con la sacralità del cibo e assumerne piena consapevolezza prima di cominciare a mangiare.

5. Focalizzati su ogni boccone

Rivolgi la tua attenzione al sapore e alla consistenza di ogni singolo boccone che entra nella tua bocca.

Prova ad assumere consapevolezza delle sensazioni che il cibo ti trasmette, un boccone alla volta, senza fretta, senza pensare alla forchettata successiva.

Il tuo cibo è qui e ora.

6. Mastica

L’importanza della masticazione è evidenziata dal famoso detto “la prima digestione avviene in bocca”.

Mastica lentamente, senza fretta, in modo da consentire la deglutizione di bocconi piccoli e agevolare il processo di digestione.

7. Utilizza le posate

E’ molto più agevole riuscire a mangiare in modo calmo e consapevole se si utilizzano le posate per tagliare il cibo e portarlo alla bocca.

Evita di mangiare con le mani e ingozzarti di cibo.

8. Condividi

Una delle gioie del mangiare è la condivisione di un pasto con i propri cari.


Può sembrare difficile riuscire a essere consapevoli in un contesto simile, ma non lo è affatto.

Condividi con i tuoi cari le sensazioni che provi in termini di sapori e consistenze, gusto e piacere.

In un primo momento potrà sembrare un pò strano, ma presto vi ci divertirete!

9. Privilegia la qualità e non la quantità.

Scegliendo piccole quantità di cibo sano e gustoso, gradirai di più ciò che stai mangiando, riuscirai a focalizzarti su ogni boccone in modo più consapevole e imparerai ad apprezzare più a fondo il piacere del pasto.

Senza abbuffarti e rimpinzarti di schifezze.

10. Prenditi il tempo per preparare i tuoi pasti.

Una delle esperienze più piacevoli nel rapporto con il cibo è la preparazione dei pasti.

Mettersi ai fornelli a cucinare può essere un’attività estremamente essere rilassante e piacevole esattamente come il mangiare.