Come Superare una Perdita

“Possiamo ancora vedere la luce di stelle che non esistono più da secoli. Così ancora ti riempie e folgora il ricordo di qualcuno che hai amato per poi vederlo andar via.”

– Khalil Gibran

Un lutto, una separazione, un’amicizia svanita… queste perdite rappresentano esperienze dolorose dalle quali spesso pensiamo che non saremo più in grado di risollevarci.

Ma non è così.

Con il tempo, la pazienza e – soprattutto – il giusto approccio mentale, ciascuno di noi ha dentro di sé le risorse per riuscire ad affrontare e a superare questo dolore e a riprendersi dopo una perdita.

Vediamo come.

Sii paziente con te stesso.

Concediti il ​​tempo di cui hai bisogno per accettare quanto accaduto.

Non esistono tempistiche predefinite quando si tratta di superare certe emozioni: ciascuno di noi deve percorrere il proprio percorso con il proprio passo.

Questo significa che non devi pensare che se ora non riesci a riprenderti allora non ce la farai mai: semplicemente, concediti di vivere il tuo dolore senza cercare di nasconderlo o di reprimerlo, con i tuoi tempi e le tue modalità.

Va bene sentirti triste, è assolutamente normale.

Scegli semplicemente di andare avanti, un passo alla volta.

E a un certo punto inizierai di nuovo a vedere la speranza della serenità.

Il dolore sarà ancora lì ma con sfumature diverse e tu sarai pronto per riprendere il tuo percorso.

Ridefinisci le tue aspettative.

Accetta le tue emozioni come una parte naturale del processo di perdita.

Non giudicarti negativamente per le emozioni che stai provando.

Quello che provi è ciò che in questo momento hai bisogno di sentire e di esprimere come parte del processo di perdita.

La morte di una persona cara, una separazione o un altro tipo di perdita provocano emozioni potenti, ma da cui sarai in grado di riemergere.

Più forte di prima.

Non lasciare che siano gli altri a definire come tu ti debba sentire e non pensare che l’uscita dal dolore sia un processo lineare.

Ci saranno alti e bassi, emozioni contrastanti, momenti di serenità e altri di disperazione.

Ma alla fine ci sarà la luce.

Accetta ciò che non puoi modificare.

Una delle sfide più ardue che devi affrontare quando perdi qualcuno è l’impossibilità di gestire ciò che è al di fuori del tuo controllo.

È inevitabile, ci saranno sempre situazioni o aspetti su cui non possiamo intervenire: semplicemente accadono e dobbiamo imparare a gestirle.

Questo non significa che dobbiamo essere vittime di quanto ci accade.

In ogni circostanza abbiamo la possibilità di decidere come reagire.

E questo è ciò che possiamo e dobbiamo fare di fronte a una perdita: concentrarci su ciò che possiamo modificare e accettare ciò che non possiamo cambiare.

Questo significa accettare mentalmente, emotivamente e spiritualmente la realtà della tua perdita e lasciarti alle spalle un passato che non puoi riportare indietro.

Trova forza negli altri.

Quando ci troviamo ad affrontare una perdita abbiamo la tendenza di pensare che nessuno possa aiutarci.

Non è così.

È proprio in questi momenti di difficoltà che puoi fare tesoro dell’esperienza di chi ha già sperimentato una perdita analoga.

È proprio in questi momenti che puoi trovare conforto e sostegno nelle persone che più tengono a te.

Non isolarti, non aver timore o imbarazzo a chiedere aiuto.

Chi ti ama riconoscerà un valore immenso al tuo mostrarti autentico e vulnerabile e si rivelerà una fonte importante di supporto.

Dai valore al tempo.

L’inaspettato può accadere in qualsiasi momento. Non sprecare il tuo tempo riempiendo la tua testa di preoccupazioni, pensieri o aspettative.

Vivi e basta. Ama. Cogli quanto di meraviglioso la vita può offrirti. Coltiva le relazioni con le persone che ami. Offri il tuo amore, regala un sorriso e una parola gentile a chi ti è vicino.

Se desideri fare qualcosa, falla: non aspettare un giorno che potrebbe non arrivare mai.