A volte sei chiamato a prendere delle decisioni difficili che ti lasciano a lungo nell’incertezza e nell’indecisione, come ad esempio se porre fine a una relazione, dare una svolta alla tua carriera, trasferirti in una nuova città o adottare un nuovo stile di vita, come diventare vegetariano o smettere di fumare.

Sono molti gli approcci che puoi adottare per cercare di prendere delle decisioni intelligenti, ma per lo più questi processi risultano inefficaci quando hai a che fare con situazioni nelle quali le informazioni a disposizione sono piuttosto limitate.

A volte tutto ciò di cui hai davvero bisogno per acquisire maggiore chiarezza e fare la scelta migliore è porti le domande giuste. Una buona domanda può aiutarti ad adottare la prospettiva più idonea per affrontare un determinato problema e a rendere ovvia la decisione più corretta da prendere.

Ecco allora di seguito le domande più importanti che dovresti porre a te stesso ogni volta che sei chiamato a prendere una decisione difficile.

Questa scelta mi aiuterà a crescere?

Se la tua crescita personale rappresenta per te uno dei tuoi valori (ed obiettivi) principali, dovrebbe allora essere piuttosto agevole per te prediligere scelte che ti possano portare a imparare e a crescere.

Se non riesci a scorgere un margine di crescita in una determinata scelta, probabilmente questo è segnale che devi prendere una decisione differente.

Questo approccio ti porterà certamente a sperimentare novità e situazioni inusuali, anziché indirizzarti verso situazioni già conosciute o confinate nella tua area di comfort.

Certamente, questo tipo di strategia ti porterà a confrontarti con circostanze in cui la paura e l’esitazione potrebbero trattenerti e la tua mente potrebbe cercare delle scuse: “Non posso perché sono troppo impegnato”, “Non è il momento giusto”, “Non mi sento ancora in condizione di farlo”, e così via… D’accordo, ma sarà un’esperienza che ti aiuterà a crescere? Se la riposta è sì, allora probabilmente prendere quella strada è la cosa giusta da fare.

> Decisioni intuitive. Quando si sceglie senza pensarci troppo

Il mio “io” ideale farebbe questa scelta?

Di fronte alla scelta che devi compiere, come si comporterebbe la migliore versione di te stesso, il tuo io ideale, la persona che aspiri a diventare?

Prova a metterti nei panni della persona ideale che vorresti essere e prova a prendere una decisione da questa prospettiva.

Il tuo io ideale è coraggioso, generoso e creativo? Bene, prova allora a fare la tua scelta partendo da questa ideale versione di te stesso, anche se ora ti ritieni timoroso, egoista e poco creativo.

Cosa farebbe il tuo io ideale di fronte alla scelta che sei chiamato a prendere? Rispondere a questa domanda dovrebbe rimuovere gran parte dei dubbi legati alla cosa giusta da fare.

Ovviamente dare seguito a questa risposta non sarà facile, perché in genere noi siamo (ancora) una versione diversa dalla persona che aspiriamo a diventare, ma almeno avrai la certezza di stare agendo in allineamento con la migliore versione di te stesso, l’io a cui aspiri.

Avrai la certezza che starai crescendo verso il tuo io ideale.

Voglio un’esperienza da ricordare?

Ciascuna decisione, alla fine, diventa un ricordo e l’insieme delle tue scelte e delle tue decisioni andrà a costituire la tua memoria.

Dunque, quali ricordi vorrai avere quando sarai in punto di morte?

Vorrai ricordarti di tutti gli aggiornamenti che hai letto o postato su Facebook o forse vorrai invece avere i ricordi di quel viaggio avventuroso che hai intrapreso pur non avendo un soldo in tasca?

Credo che questa sia una domanda estremamente potente da porsi, in grado di fornirci un’immediata chiarezza sulla scelta giusta da fare.

Di tutte le interazioni e commenti sui vari social network degli ultimi anni, sinceramente ricordo ben poco. Mentre invece ricordo nitidamente ogni viaggio intrapreso.

Quando guardi indietro all’anno trascorso, di cosa hai mantenuto memoria? Ti piacciono questi ricordi? Potresti aver agito diversamente in modo da avere oggi ricordi più interessanti?

Porti questa domanda di fronte a una scelta da compiere, ti aiuterà ad allineare la tua decisione ai tuoi valori, a ciò che per te è più significativo e importante. A ciò di cui vuoi conservare un ricordo limpido nella tua mente.

In che modo questa scelta mi aiuterà a forgiare il carattere?

Che tipo di persona vuoi diventare?

Le tue decisioni e le tue scelte finiscono inevitabilmente per definire il tuo carattere e la tua personalità. Prendere una decisione è come dare un colpo di cesello alla scultura che raffigura la persona che stai diventando.

La maggior parte delle scelte vanno a definire soltanto alcuni piccoli dettagli. Ma alcune delle decisioni che prendi sono decisive nel dare una forma definitiva all’opera finale.

Ciascuna scelta che sei chiamato a compiere andrà a forgiare il tuo carattere. Sta a te decidere la persona che vuoi diventare e agire in coerenza con questa decisione.

Quando sei di fronte a un bivio, prova a domandarti in che modo la scelta che sei chiamato a compiere andrà a formare la tua personalità, andrà ad incidere sul tuo carattere.

Se con le tue scelte accetterai di essere incoerente con te stesso e i tuoi princìpi, attirerai a te sempre più incoerenza. Se sceglierai invece in favore dell’armonia con i tuoi valori, anche in questo caso attirerai nella tua vita sempre più armonia e coerenza.

Pensa allora con attenzione a come ciascuna scelta andrà a definire il tuo carattere e la tua personalità. Questa riflessione ti aiuterà ad affrontare le tue paure, ad aprirti a nuove esperienze e a spingerti più in profondità lungo il percorso della tua crescita personale.

> Decidere dall’essere. Prendere decisioni di alta qualità in un percorso di evoluzione cosciente

Potrò tornare sui miei passi una volta presa questa decisione?

Alcune decisioni sono permanenti, definitive, e semplicemente non hai la possibilità di tornare indietro una volta presa la scelta.

Se lasci il tuo lavoro o metti fine a una relazione, ad esempio, potresti non essere in grado di cambiare idea e tornare sui tuoi passi.

Ma per molte altre decisioni da prendere c’è sempre una scappatoia, la possibilità di tornare indietro: gran parte delle cose che acquisti possono essere restituite, se hai cambiato città puoi sempre tornare nel tuo paese di origine, e così via…

Se una decisione non è irreversibile oppure le conseguenze negative di uno sbaglio sono minime, allora probabilmente la scelta migliore da fare è optare per la nuova esperienza.

Sarai comunque consapevole di avere la possibilità di tornare indietro e comunque avrai almeno imparato qualcosa dall’esperienza.

– – –

Prova a porti una di queste domande la prossima volta che sarai chiamato a prendere una decisione difficile. Credo che le troverai uno strumento utile per sviluppare maggiore chiarezza e adottare scelte migliori.

credits to Steve Pavlina