Molte persone si impegnano a fare ciò che pensano potrà renderli felici, ma secondo me è proprio qui che sbagliano.

La felicità non è legata a ciò che fai, ma a come sei. La felicità è legata al modo in cui ti relazioni all’esistenza.

Se consenti a te stesso di essere presente nel momento, e di apprezzare ciò che il momento presente è in grado di offrirti, la felicità verrà come una naturale conseguenza.

Quando sei nel momento, metti tutto stesso in quell’istante, perché è l’unico che puoi veramente vivere. Il passato e il futuro sono solo proiezioni all’indietro o in avanti della tua mente: l’unico istante che ti è dato da vivere è soltanto quello presente, il qui e ora.

Non conta ciò che fai, conta come sei presente nel momento, conta quello che sei nell’istante, conta se davvero concedi a te stesso di dedicare tutta la tua persona a ciò che stai facendo.

In questo modo la felicità sarà legata al tuo modo di essere, a come ti poni nei confronti della realtà a prescindere da ciò che starai facendo.

La felicità non risiede nel fare cose che ci porteranno verso un obiettivo; la felicità risiede nel dedicare tutto noi stessi alla persona o all’attività che abbiamo di fronte, concedendoci la gioia di assaporare la bellezza e l’unicità che ogni istante è in grado di donarci.