Dimentica ogni moralità, dimentica ogni giudizio. Nulla è buono, nulla è cattivo. Tutto è ciò che è. Rilassati. All’improvviso, un giorno, il presente sorge in tutto il suo profondo splendore. Allora non ci sono più nuvole, né pensieri, né desideri. Ed essere nel presente vuol dire attraversare la porta dell’esistenza Osho

Riflettiamoci un momento. Cos’è che effettivamente, in concreto, ci rende ansiosi, ci causa stress e ci impedisce di vivere in modo sereno gran parte delle nostre giornate?

Per quanto mi riguarda la risposta è semplice: la preoccupazione.

Ci preoccupa l’idea di non essere all’altezza, di poter deludere gli altri, di sbagliare e di non riuscire ad ottenere ciò che desideriamo.

Pensiamoci bene: tutto ciò che condiziona in modo così pregnante e in termini così’ negativi le nostre giornate, ovvero ansia, angoscia e stress, non è ricondubile ad una ATTUALE e PRESENTE fonte di infelicità e insoddisfazione.

Ciò che ci causa stress, ansia e angoscia è la PROIEZIONE delle nostre preoccupazioni e del timore che quelle fonti di infelicità e insoddisfazione si possano concretizzare.

Come essere sempre felici

Ci angoscia una possibilità eventuale, non la condizione presente e concreta.

Abbiamo paura di sbagliare qualcosa che faremo stasera o domani o fra una settimana, ma quella paura ci attanaglia oggi, ci angoscia oggi, ci impedisce di vivere in piena serenità l’unico momento che conta davvero, ovvero il momento presente, il qui e ora.

E l’aspetto piu’ bizzarro e paradossale di tutto questo è che molto spesso le nostre paure non si concretizzano, ciò che ci preoccupava non diviene affatto realtà, i timori che ci attanagliavano si rivelano infondati.

Con la conseguenza, ancora più bizzarra e paradossale, che ci ritroviamo ad aver trascorso lunghe ore e giornate intere in uno stato di angoscia e preoccupazione legato a paure che si sono poi rivelate vane proprio perchè inerenti a fatti e situazioni che non si sono verificati.

E il gioco continua in questo modo, perchè siamo bravissimi a questo punto a individuare nuovi motivi di ansia, angoscia e preoccupazione per qualcosa che presto o tardi, forse, potrebbe verificarsi.

Ci infiliamo in una spirale negativa, in un circolo vizioso da cui è poi arduo riuscire ad emergere.

Gran parte della nostra infelicità, insomma, è legata alla preoccupazione, non ad un’effettiva e attuale causa concreta di dolore.

Cosa significa tutto questo? Che così facendo, innanzitutto, stiamo mancando il presente, ci stiamo dimenticando di vivere il qui e ora.

Stiamo mancando la straordinaria e irripetibile opportunità di godere pienamente delle meraviglie del momento presente.

Ci stiamo lasciando sfuggire il piacere di assaporare fino in fondo le delizie di questo istante.

Ci lasciamo sopraffare dalle preoccupazioni e ci dimentichiamo di vivere.

Non solo.

Dominati da un costante senso di ansia, disagio e frustrazione, finiamo per sprecare le nostre risorse e le nostre energie tra pensieri negativi e affanni inutili, senza davvero concentrarci in modo utile e costruttivo sui nostri problemi.

Come fare allora a liberarci dalla sensazione di ansia e preoccupazione che così spesso ci attanaglia?

Ecco di seguito alcuni semplici consigli:

Abbraccia il presente

L’unico momento che realmente esiste è questo preciso istante, il qui e ora.

Puoi trarre preziosi insegnamenti dal passato e proiettarti con fiducia ed entusiasmo verso il futuro, ma la sola realtà che puoi vivere adesso è il presente.

Allora non lasciartelo sfuggire e vivilo con tutta l’intensità possibile.

Lascia scivolare via i pensieri negativi

Arrovellarsi sui pensieri negativi, lasciandosi trasportare in una nefasta spirale di preoccupazioni e scenari pessimisti, è un esercizio perfettamente inutile che non potrà far altro che nuocerti.

Allora, quando un pensiero negativo affiora nella mente, non lasciarti rapire, non inseguirlo.

Osservalo, riconoscilo e accettalo, ma al contempo prendine le distanze, non identificarti con esso.

Osservalo e lascia che se ne vada così come è arrivato, come una nuvola che solca il cielo e poi scompare nell’orizzonte.

Cose non noiose per essere super felici

Focalizzati sulla risoluzione dei problemi

Lasciare scivolare via i pensieri negativi non significa certo prendere le distanze dai problemi. Al contrario, mantenere il focus sul presente senza lasciarsi rapire dalla negatività rappresenta la condizione ideale per concentrarti sulla risoluzione dei problemi.

Focalizza la tua attenzione in modo chiaro e distaccato sui tuoi problemi, analizzali con lucidità e prova a mettere in pratica le mosse che ritieni più adatte per risolverli. Un piccolo passo alla volta, hai sempre la possibilità di rendere migliore il tuo presente e, allo stesso tempo, crescere come persona.

Accetta ciò che non puoi cambiare

Ci sono situazioni ed eventi che non sono sotto la tua sfera di controllo. E mai lo saranno. Malattie e lutti sono soltanto un esempio. Accettalo.

Accetta il fatto che non sempre avrai la possibilità di costruire il futuro esattamente come lo avevi immaginato. Assumine consapevolezza e prendi atto serenamente dell’imponderabilità degli eventi umani.

Assumi consapevolezza del vero segreto della felicità

Il segreto, almeno per me, è soltanto uno: non c’è nessun reale motivo, in questo esatto momento, che ti impedisca di essere felice.

Se puoi respirare, se puoi vivere il momento presente, se accetti ciò che non puoi cambiare, se provi a non lasciarti trascinare dai pensieri negativi e ti focalizzi invece sulla risoluzione dei problemi, allora non hai più nessun ostacolo lungo la strada della felicità.

Respira, sorridi e applaudi al miracolo della vita.