Nell’adolescenza e nella giovinezza le nostre amicizie rappresentano tutto. Definiscono chi siamo, cosa facciamo, persino cosa compriamo.

Da giovani pensiamo che le amicizie dureranno per sempre. Ma poi la vita va avanti. Le carriere lavorative spiccano il volo. Le persone si sposano, fanno dei figli. Altri vanno a vivere altrove, lontano.

Ci affanniamo a gestire il nostro tempo e le nostre responsabilità, e lentamente alcuni dei nostri amici scivolano giù nella lista delle priorità.

Non necessariamente questo è ciò che vogliamo. Poche persone metterebbero in dubbio il valore di un’amicizia. Il problema sembra risiedere nella capacità di conciliare le amicizie con i ritmi frenetici di un’esistenza già affollata di impegni ed attività.

L’amicizia è come un matrimonio. Non si può pensare che sia sufficiente sposarsi per avere una vita coniugale felice. Come il matrimonio, l’amicizia va coltivata e rinnovata giorno dopo giorno in base all’alternarsi delle vicende della vita. Le persone e le priorità cambiano. Quello che ha funzionato ieri potrebbe essere inutile oggi.

Dobbiamo nutrire le amicizie affinché queste possano fiorire ed accompagnarci attraverso le nostre mutevoli esistenze.

Scegli saggiamente i tuoi amici.

Focalizza la tua energia su quelle persone che davvero ti fanno stare bene. Tutti noi conosciamo bene il detto “non puoi scegliere la tua famiglia”. Allora cerca di essere abbastanza intelligente da scegliere come amici delle persone che meritano il tuo tempo e la tua attenzione per il semplice fatto che ti fanno stare bene. Non farti attrarre dalle apparenze e non lasciarti ingannare dagli opportunisti. Il comportamento di una persona è molto più importante delle parole. Circondati di amici che riflettano la persona che vorresti essere. Scegli amici che ti riempiono di orgoglio, persone che ammiri, che ti amano e ti rispettano per ciò che sei. Persone che rendono il tuo giorno un po’ più luminoso, semplicemente per il fatto di esserci.

Tratta gli altri come vorresti essere trattato tu.