“Prima di iniziare le prime attività della giornata, io e il mio team ci riuniamo e restiamo insieme in silenzio per dieci minuti”, racconta l’amministratore delegato di una piccola società di investimenti. “Questo ci consente di rimanere più centrati e connessi mentalmente per tutto il resto della giornata.”

La pratica della mindfulness, o consapevolezza, ha ormai preso ampiamente piede anche nel mondo del business, e tuttavia i critici non mancano.

L’obiezione principale è che si tratta di una pratica ampiamente sopravvalutata i cui benefici non sono sufficientemente supportati dalla ricerca scientifica.

Le cose stanno davvero così?

A questo proposito vorrei condividere alcune delle risposte in merito che si possono trovare nel libro di Daniel Goleman Altered Traits: Science Reveals How Meditation Changes Your Mind, Brain, and Body.

Il coautore di questo testo, il neuro scienziato Richard Davidson, professore all’Università del Wisconsin, è a capo del più grande laboratorio scientifico dedicato allo studio della meditazione.

Il suo team ha raccolto più di 6.000 studi dedicati alla meditazione, selezionando le 60 ricerche che presentavano le evidenze in modo più accurato e scientifico.

Intelligenza emotiva

Ecco i 3 principali benefici della mindfulness che sono stati evidenziati:

Gestione dello stress

La mindfulness e altre forme di meditazione aiutano a tenere sotto controllo l’amigdala, ovvero quella parte del cervello che innesca rabbia, ansia e altre simili emozioni con potenziale impatto destabilizzante.

Più ti dedichi alla meditazione e meno reattiva diventa l’amigdala.

E quando l’amigdala prende il sopravvento (a chi non capita?), la meditazione ti consente di recuperare e riprendere il controllo in tempi assai più rapidi.

Focus

La pratica della mindfulness rafforza la concentrazione e la capacità di mantenere l’attenzione su ciò che stai facendo tra un mare di distrazioni.

La meditazione ti aiuta a riportare la tua mente nel qui e ora, ad essere pienamente presente nel momento attuale e ad acquisire maggiore consapevolezza di ciò che ti accade attorno.

Relazioni

La meditazione e la mindfulness ti aiutano ad essere più aperto ai bisogni delle persone intorno a te. Ti aiutano ad essere più disponibile, generoso e attento alle emozioni altrui. Ti aiutano insomma a sviluppare uno spiccato senso di empatia ed intelligenza relazionale.

Tutto questo crea un forte senso di lealtà e fiducia nei tuoi confronti da parte degli altri, i quali a loro volta saranno sempre più sinceramente interessati e attenti al tuo benessere.

Vivere con gioia, gioire della vita. Ritrovare autenticità, passione e meraviglia

Sei vuoi iniziare a mettere in pratica la mindfulness, le istruzioni di base sono piuttosto semplici.

  • Inizia a ritagliarti un po’ di tempo per te stesso, assicurati di non essere disturbato e trova un luogo confortevole e tranquillo.
  • Siediti comodo, con la spina dorsale rilassata ma dritta (così da non correre il rischio di addormentarti).
  • Porta la tua attenzione sul naturale flusso del respiro: non cercare di controllarlo, osservalo semplicemente.
  • Quando la tua mente inizia a vagare, e te ne rendi conto, riportala gentilmente al tuo respiro. Sembra facile, ma richiede attenzione, consapevolezza.
  • La nostra mente tende a vagare per la maggior parte del tempo, te ne renderai conto non appena proverai a mettere in pratica la meditazione. Non desistere.

Questa semplice routine è l’equivalente, a livello mentale, dell’esercizio fisico.

Così come il costante allenamento del corpo ci consente di rimanere in forma a livello fisico, allo stesso modo la pratica regolare della mindfulness ci mantiene in forma a livello mentale.

Ma come per l’allenamento, per poter avere benefici è necessaria costanza.

E come per l’esercizio fisico, più pratichi e più evidenti sono i benefici.