L’amore è essere te stesso, conoscere il tuo io ed esprimere la tua unicità.

L’amore è gioia che fluisce.

L’amore è quando hai visto chi sei; a quel punto non resta nulla da fare se non condividere la tua essenza con gli altri.

L’amore è quando hai visto che tu non sei separato dall’esistenza.

L’amore è quando hai provato un’organica, orgasmica unione con tutto ciò che è.

L’amore non è una relazione. L’amore è un modo di essere; non ha nulla a che fare con nessun altro.

Non si è innamorati, si è amore.

E certamente quando si è amore, si è innamorati – ma questo è il risultato, la conseguenza, non l’origine. L’origine é nell’essere amore.

E chi può essere amore?

Certamente, se non hai consapevolezza di chi sei, non puoi essere amore.

Se non avrai consapevolezza di chi sei, non sarai amore, sarai paura.

Innamorarsi dell’amore

La paura è l’opposto dell’amore.

Ricorda, l’opposto dell’amore non è l’odio, come molti pensano; l’odio è amore rovesciato.

Il vero opposto dell’amore è la paura.

Nell’amore cresciamo, nella paura diventiamo acqua stagnante.

Nella paura ci chiudiamo, nell’amore ci apriamo.

Nella paura dubitiamo, nell’amore ci fidiamo.

Nella paura ci sentiamo soli, nell’amore l’io svanisce nel tutto.

Quando siamo in unione con il tutto, come possiamo sentirci soli?

Allora gli alberi e gli uccelli e le nuvole e il sole sono ancora con te.

L’amore è quando hai conosciuto il tuo cielo infinito.

E l’infanzia è il momento giusto per entrare nel mondo dell’amore.

Questo è il momento in cui i genitori, la società, lo stato e la chiesa iniziano ad avvelenare i bambini e a renderli paurosi. Questo è il momento in cui la paura è creata dagli sfruttatori.

Questo è il momento in cui la società riduce i bambini in schiavi attraverso la paura.

Questo è anche – se la società è sana e non è dominata da stupidi preti e politici – il momento in cui la società può aiutare i bambini a diventare più e più amorevoli, più aiutare i bambini a conoscere di più riguardo alla bellezza, la musica, la poesia, la danza, la meditazione.

Questo è il momento in cui il bambino può imparare a tuffarsi senza paura.

Più tardi diventerà più e più difficile, perché quando si cresce crescono anche le paure, che diventano più forti.

Quando cresci il tuo io diventa più forte.

Quando cresci la tua capacità di imparare diminuisce.

Quando cresci diventi sempre più codardo, impaurito dall’ignoto.

Trova la tua voce interiore e poi seguila senza paura.

Il bambino è libero dalla paura; i bambini nascono senza paura. Se la società saprà aiutarli e supportarli nel rimanere liberi dalla paura, saprà allora aiutarli a scalare gli alberi e le montagne, e a nuotare nei fiumi e negli oceani.

Se la società saprà aiutarli diventeranno degli avventurieri dell’ignoto.

E se la società saprà spingerli verso una grande ricerca invece che verso credenze morte, allora i bambini diventeranno grandi amanti, amanti della vita – e questa è la vera religione.

Non c’è religione più elevata dell’amore.

Medita, danza, canta e vai più e più in fondo dentro te stesso.

Ascolta il canto degli uccelli con più attenzione.

Ammira i fiori con stupore e meraviglia.

Non accumulare informazioni, non etichettare le cose, non categorizzare tutto.

Inizia a suonare la chitarra o impara a suonare il flauto.

Incontra persone, mischiati con la gente, con quante più persone puoi, perché ogni persona esprime una diversa sfaccettatura di Dio. Impara dagli altri. Non aver paura, questa esistenza non è tua nemica.

Questa esistenza ti fa da madre, questa esistenza è pronta a supportarti in ogni modo possibile.

Accogli l’esistenza con fiducia, e inizierai ad avvertire uno slancio di energia dentro di te; quell’energia è amore.

Quell’energia vuole abbracciare l’intera esistenza, perché in quell’energia ciascuno si sente accolto.

E quando ti senti accolto, cosa puoi fare se non abbracciare l’intera esistenza?

L’amore è il profondo desiderio di abbracciare l’intera esistenza.

  • OSHO